La riduzione dell'IVA nei ristoranti è in opera?

L'industria alimentare e delle bevande potrebbe essere in buone notizie! Se due partiti di coalizione e il più grande partito di opposizione del paese, che sono impegnati in negoziati di salvezza nazionale in corso, raggiungeranno un accordo, l'industria potrebbe presto godere di un possibile taglio dei loro obblighi di imposta sul valore aggiunto (IVA).

Attualmente, l'IVA è riscossa al 23 per cento per bar, caffè e ristoranti, tutti attori essenziali nel settore del turismo e dei viaggi in Portogallo. L'attuale tassa è stata una misura che ha attirato e continua ad attirare critiche diffuse da parte degli operatori del settore a causa del suo impatto negativo sulla spesa dei consumatori, tra gli altri.

La misura faceva parte delle richieste imposte dalla troika di salvataggio, vale a dire il Fondo monetario internazionale (FMI), la Commissione europea e la Banca centrale europea. È stato progettato per aumentare il flusso di tasse nelle casse dello Stato, stimolando così la ripresa economica dalla crisi finanziaria che attanaglia molti paesi in Europa.

Il Partito Socialista (PS), il partito di opposizione, e il Centro Democratico e Sociale – Partito Popolare (CDS-PP), il partito della coalizione junior, hanno ripetutamente sostenuto la riduzione dell'IVA dal 23 al 13 per cento. La loro argomentazione si basa sulla loro affermazione che l'IVA del 23 per cento non ha fornito alcun beneficio fiscale significativo allo Stato.

Anche i coraggiosi del Partito Socialdemocratico (PSD) sembrano essere sempre più favorevoli al cambiamento. Negli anni precedenti, il partito è stato tifante nel sostenere il cambiamento.

In una dichiarazione ufficiale, l'Aba da Hotelaria, Restaurao e Similares de Portugal (AHRESP) ha affermato che le discussioni con le autorità governative in materia sono state "fruttuose". Tali sviluppi positivi sono avvenuti a causa dell'apertura dimostrata verso la modifica del tasso applicato prevalente, in base alla dichiarazione.

I rapporti dei media suggeriscono anche che il partito socialista stava usando la proposta di riduzione dell'IVA al 13 per cento come una delle sue principali richieste di negoziati con il governo. I negoziati sono in relazione con la richiesta del governo di sostenere misure supplementari per equilibrare i libri contabili nazionali.

L'inaspettata visita del ministro delle Finanze Luàs Albuquerque durante uno di questi incontri ha alimentato le speculazioni in tal senso. Si presume che sia stata invitata a esprimere il suo parere sulla proposta di riduzione delle aliquote e sulla sua disponibilità ad aderirvi. Non si dica ancora nulla in merito, dato che a questo punto tutto è ancora in aria.

Va notato che una serie di notizie che indicano l'IVA 23 per cento come vantaggioso per lo stato - ha aumentato le casse dello Stato. La spinta è arrivata sulla sorsidia di un calo iniziale delle entrate fiscali.

Gli studi hanno anche evidenziato i benefici della riduzione dei tassi. Uno di questi studi è stato condotto da Ernst & Young (EY), detto studio di cui è stato contenuto in un rapporto di 56 pagine pubblicato nel giugno 2013.

Secondo il rapporto, la riduzione dei tassi porterà al mantenimento di circa 30.000 posti di lavoro nel settore. Se il tasso del 23 per cento persiste, questi posti di lavoro hanno maggiori probabilità di essere persi perché i datori di lavoro non possono permettersi di pagare gli stipendi dei dipendenti. Se è così, le prospettive economiche per la nazione saranno influenzate negativamente.

AHRESP ha anche affermato che la riduzione avrà senso contabile. La differenza di perdita da entrate fiscali di 280 milioni di euro rispetto ai valori monetari recuperati dalla sicurezza sociale, dai sussidi alla disoccupazione e dai pagamenti iRS per un importo di 346 milioni di euro giustifica la riduzione del tasso.

E non è solo il settore della ristorazione a beneficiare della riduzione delle tariffe. Anche i settori del golf e degli hotel saranno avvantaggiati nella riduzione delle tariffe, dal momento che i clienti sono più propensi a indulgere nella loro passione per il golf e viaggiare con i prezzi più convenienti su prodotti e servizi.

Pubblicato in: Tassazione / Guida al Portogallo / Attività commerciale